Anno di prova neoassunti, formazione, valutazione e relazione finale

Quando un docente viene assunto è nominato per l’anno in prova, un periodo durante il quale dovrà svolgere alcune attività. L’esito influisce sulla conferma del ruolo.



Anno di prova per docenti

La nota circolare del MIUR Prot. 35085 del 02/08/18 stabilisce quali sono le linee guida per le attività formative che devono essere sottoposte ai docenti neoassunti per l’anno scolastico 2018/2019. Il percorso si articola in diverse fasi che vano dagli incontri propedeutici e di restituzione finale, ai laboratori formativi, poi ci sono le visite nelle scuole innovative e gli incontri Peer to Peer.

Anno di prova neoassunti

I docenti neoassunti inoltre devono svolgere delle attività sulla piattaforma online. Le attività si svolgono nell’arco di 180 giorni e 120 di questi devono essere dedicati alle attività didattiche. La normativa stabilisce anche un altro periodo in cui il docente è sottoposto al giudizio del Dirigente Scolastico e viene affiancato da un Tutor che lo segue nel percorso formativo. In caso di giudizio negativo alla fine dell’anno di prova, è concessa una proroga per l’anno successivo. Il Dirigente Scolastico conferma il docente in ruolo con un decreto nel caso di esito positivo.

Attività da svolgere nell’anno di prova

La formazione dei docenti neoassunti per l’anno scolastico 2018/2019 prevede invece la prima formazione offline che include gli incontri, il Peer to Peer e i laboratori formativi, la seconda formazione online invece si svolge direttamente sulla piattaforma online che rispetto allo scorso anno è stata semplificata. Le ore da dedicare alla formazione sono 50, tra queste 20 ore sono per la formazione online. Ovviamente il tempo trascorso nella piattaforma Indire non può essere quantificato. La formazione inizia di fatto con il primo incontro di tipo propedeutico e formativo, gli incontri iniziali della durata di 6 ore sono partiti nel mese di ottobre e hanno visto il coinvolgimento dei Tutor. Le 12 ore successive sono riservate ai laboratori formativi, che sono 4 e della durata di 3 ore ciascuno. Il laboratorio più importante è quello che riguarda didattiche innovative e uso delle nuove tecnologie.

Anno di prova docenti neoassunti 2018/2019

Gli incontri propedeutici di carattere formativo da seguire nell’anno di prova per i docenti neoassunti 2018/2019 sono stati calendarizzati in ambito territoriale. La partecipazione è estesa anche ai docenti di altri ambiti territoriali, così come previsto dagli USR (Vedi anche le ultime circolari dell’USP di Milano). Gli incontri di restituzione finale con valenza professionale coinvolgono tutti i protagonisti degli eventi formativi tra cui i docenti che partecipano ai laboratori, al visiting, i tutor e i dirigenti scolastici. Gli incontri di 6 ore in totale sono specifici e hanno formule organizzative flessibili.

I laboratori formativi si svolgono sotto la guida dei Tutor, le tematiche e gli argomenti affrontati sono disciplinati all’art. 8 del D.M. 859/2015 e si svolgono per 12 ore complessive. In base alle esigenze del caso possono essere adottate altre soluzioni di durata variabile. Oltre alle didattiche innovative e all’uso delle nuove tecnologie, nei laboratori si svolgono attività di educazione alla sostenibilità, forme di inclusione e integrazione. I materiali sono fruibili sulla piattaforma Indire neoassunti.indire.it.

Anno di prova: formazione e valutazione finale

Il DM n. 850/15 spiega che a valutare i docenti neoassunti in anno di prova o formazione sono i Tutor, il Comitato per la valutazione dei docenti e il Dirigente scolastico. Il Tutor partecipa al colloquio con il Comitato per la valutazione dei docenti e predispone l’istruttoria sull’esito delle attività formative e delle esperienze di insegnamento del docente in prova. Il Comitato per la valutazione dei docenti è composto dal Dirigente Scolastico, due docenti del collegio docenti e un docente del consiglio d’istituto, e dal Tutor. Il Comitato esprime un parere in seguito al colloquio del docente e il Dirigente scolastico valuta i docenti neoassunti tendendo in considerazione questo giudizio. La valutazione finale avviene analizzando tutta la documentazione. In caso di giudizio favorevole viene confermato il ruolo con apposito decreto, altrimenti viene concesso un periodo di proroga di un anno.

Relazione finale anno di prova

La relazione finale dell’anno di prova contiene tutti i dati relativi al servizio svolto dal docente neoassunto e quali attività formative ha seguito (art. 6 del DM 850/2015). Per quanto riguarda l’attestazione del percorso formativo, viene rilasciato un attestato dal Dirigente Scolastico relativo alle attività di formazione in presenza, la piattaforma INDIRE produce un certificato per l’assolvimento dell’obbligo di formazione online. Sulla stessa piattaforma ci sono il bilancio iniziale e finale delle competenze, il curriculum formativo e tutte le altre attività svolte nell’anno di prova.



Tra i documenti da allegare alla relazione di prova c’è anche l’attestazione dell’espletamento delle attività Peer to peer. Conclude la relazione il giudizio del Dirigente scolastico.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here