Aria di elezioni: il MIUR bandisce nuovi concorsi

Allorché é nell’aria un’elezione politica, allora quasi sempre chi è al vertice del Miur quasi sempre annuncia un nuovo concorso nella scuola, la più grande agenzia di collocamento, e certo il ministro Bussetti non poteva fare eccezione.



Elezioni europee di Maggio

Secondo quanto anticipato a Zunino di Repubblica TV, il ministro ha affermato che da qui ai prossimi anni per i pensionamenti serviranno nuovi insegnanti soprattutto nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria.
Ecco che a Maggio si dovrebbe partire con il bando del concorso a cattedre ordinario per esami e titoli per gli insegnanti di scuola di scuola dell’infanzia e per la scuola primaria in seguito con il bando per scuola secondaria di prima e di secondo grado. Saranno all’incirca 16.000 i posti che saranno messi a concorso per infanzia e primaria.

Elezioni maggio

Il concorso si espleterà, qualora fosse realmente bandito a Maggio, nella seconda parte del 2019.
Il problema per i concorsi nella scuola è formare le commissioni per la bassa direi vergognosa retribuzione riservata ai commissari del concorso per il delicato compito di selezionare i nuovi insegnanti nella scuole. Un compenso che definire irrisorio è dir poco e che prevede appena 1 euro lordo per la correzione di uno scritto.
Al concorso possono partecipare i docenti in possesso del diploma magistrale conseguito entro il 2000/2001 o la Laurea in Scienze della formazione primaria.



Per infanzia e primaria è tuttora in corso il concorso speciale non selettivo che darà vita a graduatorie regionali da cui si assumerà per il prossimo anno dove le graduatorie di merito del 2016 risultano esaurite.

 

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here