Bullismo a scuola, docente minacciato, il video su Whatsapp

Ennesimo caso di bullismo a scuola, dove in un Istituto professionale di Vicenza un professore viene filmato, deriso e minacciato dalla classe.

Bullismo a scuola

“Non fatelo scappare” il video su Whatsapp

Filmano la scena con un telefono di un compagno di classe dove si vede chiaramente il docente minacciato che si alza dalla cattedra ed uscire dall’aula, tutti i compagni di classe, si tratta di una prima superiore del vicentino, urla e schiamazza “bloccatelo“, prima ancora si sente “non lasciatelo scappare“. Ora sul caso la procura dei minori di Venezia ha aperto un’indagine sia per “violenza privata” che per “interruzione di pubblico servizio”.

 



Si nota nel video una complicità di tutta la classe, un atto davvero da condannare, alla luce anche dei casi di Bullismo di Lucca dove all’ITC Carrara il ragazzo con il casco insulta e minaccia il prof, ma anche il caso di una scuola alla periferia di Milano, dove una mamma entra in classe e colpisce la maestra davanti ai bambini.

Bullismo a scuola

La denuncia parte dal Corriere della Sera, il professore aggredito ha infatti informato dei fatti la questura dopo che il video ha iniziato a diffondersi sia su Whatsapp che su Facebook,  dopo le indagini di rito, tra docenti e alunni sono state trasmesse tutte le informative alla procura dei minori di Venezia. Non si è fatta attendere anche la scuola che ha provveduto all’espulsione del 15enne che puntava il dito ed urlava contro il prof ed a sospendere l’autore del video.



Aggressioni ai docenti

Nell’articolo del corriere, viene evidenziato il fatto che i casi non sono isolati, e che nell’ultimo anno le aggressioni verso docenti sono state almeno 36, un fenomeno ormai diffuso in tutta Italia, e che andrebbe arginato subito.

Zoom Scuola da sempre contro il bullismo a scuola ed ogni forma di violenza, condanna gli episodi senza se e senza ma, confida nelle istituzioni affinché possano arginare il fenomeno in crescita.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here