Home / News scuola / Conferimento di supplenze su posti di sostegno

Conferimento di supplenze su posti di sostegno

Supplenze su posti di sostegno

Con riferimento alle operazioni di attribuzione delle supplenze da parte dei competenti Uffici territoriali degli uffici Scolastici regionali, la nota del ministero ribadisce l’esigenza di dare priorità alle supplenze relative ai posti di sostegno da assegnare agli aspiranti in possesso del titolo di specializzazione.

Supplenze sostegno

Nel caso in cui sono esauriti gli elenchi degli insegnanti di sostegno nelle GAE, i posti vanno assegnati dalle graduatorie di Istituto di I, II e III Fascia, i dirigenti scolastici possono quindi effettuare nomina senza attendere ulteriormente.

Una volta esaurita la I fascia delle graduatorie di Istituto, nella scuole secondarie di secondo grado, ai sensi dell’art. 6, comma 3, del regolamento, si può provvede all’individuazione degli insegnanti di sostegno tramite lo scorrimento incrociato degli elenchi delle altre aree disciplinari.



Conferimento di ore di insegnamento pari o inferiori a 6 ore settimanali

In relazione all’assegnazione di insegnamenti pari o inferiori a 6 ore settimanali, ai sensi dell’art. 1, comma 4, del regolamento, poiché queste che non concorrono a costituire cattedre o posti orario già associate in fase di organico di fatto non fanno parte del piano di disponibilità provinciale da ricoprire in base allo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento, ma restano nella competenza dell’istituzione scolastica ove si verifica la disponibilità di tali spezzoni di insegnamento.

La copertura pertanto delle ore di insegnamento sono regolamentate dal comma 4 dell’art. 22 della Legge Finanziaria 28 dicembre 2001, n. 448, attribuendole, con il loro consenso, ai docenti in servizio nella scuola medesima, forniti di specifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi, prioritariamente al personale con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento di orario e, successivamente al personale con contratto ad orario completo – prima al personale con contratto a tempo indeterminato, poi al personale con contratto a tempo determinato – fino al limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo.

Di SiriaV

Laureata a pieni voti, specializzata sul sostegno, è una docente della scuola secondaria di II grado. Ha frequentato numerosi master e corsi di aggiornamento sulle tematiche legate ai "Bisogni Educativi Speciali" ed ai disturbi dell'apprendimento, da tempo collabora con zoom scuola e con altre testate giornalistiche on-line.