Ha senso rinviare il rientro a scuola ogni 10 giorni? Le proposte di SBC

Come “Scuola Bene Comune” non riusciamo a capire che senso abbiano tutti questi rinvii (ogni dieci giorni) dell’ apertura delle scuole, ora si parla del 13 aprile, prima si era parlato del 3 aprile, quale sarà la prossima data?

Ha senso rinviare il rientro a scuola ogni 10 giorni?

È evidente a tutti ormai che si naviga a vista sul problema dell’ apertura delle scuole. C’è addirittura chi ha ipotizzato cervellotiche ipotesi di apertura differenziate per regioni o per ordine e grado di scuola.

Si sa che per la modalità di lavoro in presenza nelle scuole, (25 alunni all’interno delle classi con uno o più insegnanti) è in pratica impossibile rispettare le norme di sicurezza raccomandate ogni giorno dagli esperti , sottolineo è impossibile ritornare a scuola soprattutto con questa tipologia di contagio.

SBC: rinviare il rientro a scuola

Non credo che ci voglia molto a capirlo, non bisogna certo essere dei virologi. Per cui il messaggio del Governo per l’apertura delle scuole a questo punto è solo politico, mi auguro che Speranza e Azzolina lo capiscano una buona volta.

Quindi le scuole devono restare chiuse almeno fin quando R0 è tendente allo zero, altrimenti il contagio non si fermerà mai.

Ci domandiamo e lo domandiamo alla Ministra Azzolina che è stata un’insegnante, chi metterà a rischio la propria salute e quella della propria famiglia soprattutto degli anziani (genitori e nonni) per ritornare a scuola ad aprile o a maggio come ha dichiarato recentemente il senatore Renzi, considerando che gli asintomatici positivi, diffusi soprattutto tra la popolazione dei giovani, hanno un potenziale infettivo pari ed anche superiore ai sintomatici in via di guarigione?

Io pretenderei se fossi al tavolo del Consiglio dei Ministri al posto di Speranza e Azzolina che nel DL di aprile sia prevista la definitiva chiusura delle scuole di ogni ordine e grado con misure eccezionali e stringerti per la chiusura dell’anno scolastico in corso e per gli esami a distanza su cui dovrebbe lavorare il MI da subito. In caso di apertura ad aprile o a maggio non so se riusciranno a fare i necessari tamponi ad un milione e mezzo di studenti e a 800.000 insegnanti se non lo facessero lo dovremmo pretendere, come insegnanti, come genitori, come studenti, non ci faremo mandare certo al macello.

Per SBC sarebbe più logico dichiarare da subito chiuse tutte le scuole italiane statali, paritarie e private per quest’anno come hanno fatto gli altri Paesi, dando un messaggio chiaro e definitivo a insegnanti, alle studentesse e agli studenti e alle loro famiglie, senza rinviare di dieci giorni in dieci giorni l’apertura delle scuole e parlare di debiti, recupero e quant’altro.

Non vogliamo piangere altri morti per l’apertura delle scuole, quando si governa bisogna avere coraggio, lungimiranza e senso della realtà, questo ci aspettiamo dal Governo, da Conte, da Speranza e da Lucia Azzolina.

Libero Tassella (S.B.C.)

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here