Incontro con i sindacati: fra due giorni verrà illustrato il decreto

E’ terminato nel pomeriggio l’incontro tra i sindacati ed il ministro Fioramonti, “Apprezziamo l’intenzione espressa dal ministro di valorizzare la scuola come istituzione e la figura professionale degli insegnanti. Abbiamo chiesto di sbrogliare la matassa delle procedure concorsuali, individuando i talloni di Achille che ne inceppano il meccanismo provocandone un allungamento abnorme dei tempi” – così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, si è svolto oggi pomeriggio al Miur tra i sindacati e il ministro dell’Istruzione.



Esito dell’incontro tra MIUR e sindacati

La Gilda chiede concorsi con cadenza biennale, e solo accelerandone l’iter, è possibile raggiungere il tanto agognato obiettivo di avere tutti gli insegnanti in classe sin dal primo giorno di lezione.

Turi: prospettive positive. Servono politiche coerenti con il modello di scuola che ci ha presentato.

Incontro con i sindacati

Un appunto di metodo politico: ministro tenga per sé le deleghe sulla scuola – ha detto Turi. E ancora: il decreto che si appresta a presentare resti uguale nei contenuti a quello faticosamente messo a punto in mesi di trattative.

Un decreto per i precari, entro tempi brevissimi

Un decreto per i precari, entro tempi brevissimi, da presentare al Consiglio dei ministri.
Due miliardi per la scuola, un miliardo per l’università – parte dagli investimenti che intende fare per scuola, università e ricerca, l’intervento di apertura dell’incontro tra il neo ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti e i segretari generali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda.

Il ministro ha ribadito la volontà di reperire risorse per il sistema di istruzione. Perché – ha detto – sono necessarie e questo è momento utile per trovarle ed utilizzarle.

I quattro punti dell’accordo di Palazzo Chigi

Nel corso dell’incontro sono stati richiamati dai segretari generali, i quattro punti dell’accordo di Palazzo Chigi:

  • impegno per il rinnovo contrattuale
  • nessuna autonomia differenziata per il sistema di istruzione
  • norme per superare l’attuale situazione di precarietà del personale della scuola
  • misure per l’università e la ricerca

La questione precariato non è più rinviabile: lo scorso anno su 53 mila posti vacanti, 33 mila non sono stati assegnati. Ora il 50% dei posti disponibili sarà coperto da supplenti.

Eliminare l’organico di fatto

Quanto all’emergenza precariato bisogna eliminare l’organico di fatto, il Mef dovrebbe comprendere che i soldi della scuola devono andare alla scuola, e che l’eliminazione dell’organico di fatto comporta uguale peso complessivo nel bilancio dell’istruzione.



Ministro tenga per sé le deleghe sulla scuola

Un appunto di metodo politico: ministro tenga per sé le deleghe sulla scuola – ha detto Turi, e ancora: il decreto che si appresta a presentare resti uguale nei contenuti a quello faticosamente messo a punto in mesi di trattative.

Nuovo appuntamento tra due giorni: in quella sede sarà illustrato il decreto legge sul precariato da presentare in Consiglio dei ministri per la conversione in legge che avverrà nei 60 giorni successivi.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here