Home / Esami / Maturità 2019: milleproroghe rimanda Invalsi e alternanza scuola lavoro

Maturità 2019: milleproroghe rimanda Invalsi e alternanza scuola lavoro

Milleproroghe rimanda test Invalsi e alternanza scuola lavoro

Maturità 2019: L’anno scolastico 2018/2019 è iniziato con il fiato sospeso per chi sosterrà la maturità a giugno. Il motivo? Le notizie riguardanti i test Invalsi e l’alternanza scuola lavoro.

Maturità 2019

Test Invalsi per accedere alla maturità

Come previsto dalle linee guida della Buona Scuola, da quest’anno i Test Invalsi avrebbero dovuto
essere un requisito per accedere all’esame di maturità. A scombinare le carte in tavola ci ha pensato
però un emendamento del decreto Milleproroghe, nato grazie a un accordo raggiunto tra i banchi
della maggioranza dell’esecutivo.


Cosa dice tale emendamento? Che i test Invalsi di matematica, italiano e inglese non verranno
soppressi ma, fino al 2020, non costituiranno requisito vincolante per accedere alla maturità.
Per gli studenti che si apprestano a sostenere l’esame di Stato nella primavera 2019 si apre quindi la
possibilità di tirare un sospiro di sollievo.
Ovviamente questo vale nella prospettiva di un’approvazione del testo del Milleproroghe così come
l’abbiamo illustrato a grandi linee.

Cosa ne sarà dell’alternanza scuola lavoro?

Come già ricordato, l’alternanza scuola lavoro è anch’essa al centro di un emendamento del decreto
Milleproroghe. Per tracciare il quadro completo ricordiamo che, sempre secondo la Buona Scuola, la
tanto vituperato alternanza avrebbe dovuto rappresentare un requisito per l’accesso all’esame di
maturità.
L’emendamento del Milleproroghe ha spostato l’inizio di tutto all’anno prossimo. Negli ultimi giorni di
agosto, il ministro dell’Istruzione Bussetti si è espresso affermando che non è sua intenzione mettere
l’alternanza scuola lavoro al centro dell’esame orale. In attesa di un restyling generale del progetto, si prospetta anche una diminuzione del carico di ore per gli studenti che frequentano il liceo.

Concludiamo ricordando che, in ogni caso, quest’anno resta obbligatorio svolgerla, con 400 ore per i
ragazzi degli istituti tecnici e 200 per chi frequenta il liceo.

Di Beatrice

Beatrice Vega scrive principalmente su tematiche legate ai docenti ed a speciali di approfondimento.