Ottava edizione di Trame il Festival dei libri sulle mafie

Trame: Festival dei libri sulle mafie

Al via l’ottava edizione di “Trame”, il Festival dei libri sulle mafie dal 20 al 24 Giugno a Lamezia Terme (Catanzaro)

Risveglio delle coscienze, riscatto e denuncia contro ogni forma di mafia: sono questi i sentimenti che animano la kermesse culturale in programma da mercoledì 20 Giugno fino a domenica 24 a Lamezia Terme, proprio nel cuore di quella Calabria martoriata dal fenomeno criminale e proprio dalla città commissariata per la terza volta in venti anni per infiltrazioni mafiose.

Ottava edizione di Trame il Festival dei libri sulle mafie

Dibattiti, incontri, spettacoli e proiezioni nelle piazze e negli edifici storici del centro della cittadina calabrese, scandiranno i 5 giorni del Festival dedicati alla cultura come veicolo per la promozione della legalità.

Tra i tanti appuntamenti del Festival, non manca naturalmente l’attenzione nei confronti dei giovani e delle scuole, l’humus da cui attingere per riprogettare una società più libera e consapevole nel contrasto a questo mortificante fenomeno.

In particolare, sono due le iniziative rivolte alle scuole: “Trame di memoria” per le scuole primarie e secondarie di primo grado e “Trame OFF” che si rivolge invece agli studenti degli istituti superiori.

Dal progetto “Trame di memoria”, ideato e curato da Fabio Truzzolillo, ha preso vita addirittura un libro dal titolo “L’altra metà di Yusuf”, che verrà presentato proprio durante il Festival. L’idea di fondo del laboratorio creativo che ha portato alla realizzazione del libro, è stata quella di raccogliere i punti di vista che i bambini hanno sulla mafia, di come immaginano e rielaborano le dinamiche mafiose e le le loro infiltrazioni nella società civile e di tutti i giorni, raccontando loro dei fatti di ‘ndrangheta pochi noti.

“I bambini hanno interpretato e rielaborato i fatti di cronaca con la loro creatività dando vita a storie nuove, dal respiro più ampio e universale. Per questo lo slogan del nostro laboratorio è stato: la memoria per comprendere la mafia, la fantasia per sconfiggerla”, afferma Truzzolillo in una nota sul sito della manifestazione.

Tra gli ospiti di questa ottava edizione, l’ex Ministro dei beni e delle attività culturali del Governo Letta Massimo Bray, il magistrato Nicola Gratteri (ora Procuratore della Repubblica di Catanzaro), impegnato in prima linea nella lotta contro la ‘ndrangheta, il magistrato Gian Carlo Caselli (procuratore della Repubblica di Palermo durante gli anni degli arresti dei più spietati boss della mafia quali Leoluca Bagarella, Giovanni Brusca e Gaspare Spatuzza).

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram