Regionalizzazione Gilda: bocciati i progetti di autonomia

Anche il sindacato Gilda si esprime in merito alla regionalizzazione, bocciati i progetti di autonomia all’assemblea nazionale. Gilda degli Insegnanti esprime la contrarietà alla regionalizzazione e chiama tutti i docenti alla massima mobilitazione.



Regionalizzazione bocciati i progetti di autonomia

“I progetti di autonomia differenziata, così come presentati da Veneto e Lombardia e anche dall’Emilia Romagna, afferma l’assemblea nazionale – sono da combattere perché segnano un ulteriore scardinamento del ruolo istituzionale e costituzionale della scuola pubblica statale”.

Regionalizzazione

“Le richieste di autonomia differenziata e di regionalizzazione delle istituzioni scolastiche risultano particolarmente pericolose e inaccettabili perché accentuerebbero la diversità di opportunità formative, già posta in essere dall’autonomia scolastica, offerte alle allieve e agli allievi della scuola italiana. Non è un caso – spiega la Gilda – che sia il Veneto sia la Lombardia intendano non solo regionalizzare il personale della scuola statale e gli uffici territoriali del Miur, ma farlo da subito con i dirigenti scolastici, che diventerebbero così emanazione diretta delle scelte amministrative e politiche regionali”.

No alla scuola in chiave aziendalista

Contraria a qualunque declinazione della scuola in chiave aziendalista, la Gilda ribadisce che il sistema di istruzione pubblica e statale deve rimanere un’istituzione della Repubblica italiana e respinge ogni tentativo di trasformarla in un mero servizio rivolto a utenti o clienti rappresentati da famiglie e studenti. In tale senso, secondo il sindacato guidato da Rino Di Meglio, alle studentesse e agli studenti, che sono prima di tutti cittadine e cittadini, non devono essere trasmesse sterili competenze, destinate inesorabilmente all’obsolescenza, ma conoscenze e saperi. “Crediamo che tornare a parlare di programmi di studio nazionali, superando le logiche delle astratte indicazioni nazionali, – si legge nel documento – sia una battaglia da intraprendere”.



“L’autonomia scolastica, basata sul rafforzamento dirigenziale, sta limitando di fatto la libertà di insegnamento sancita dall’art. 33 della Costituzione. Le interferenze del potere locale – conclude la Gilda – potrebbero ulteriormente limitarla e ciò sarebbe assolutamente intollerabile”.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here