Riattivata la carta del docente, da oggi è possibile spendere il buono 2019/20

E’ stata riattivata la carta del docente, proprio da oggi è possibile finalmente spendere il buono dell’anno 2019/20, ma anche il residuo dell’anno precedente. Sino a ieri il sito risultava inaccessibile alle utenze ed era stato bloccato per aggiornamenti.



Da oggi è stata riattivata la carta del docente

In questi giorni chi visitava il sito carta del docente all’indirizzo cartadeldocente.istruzione.it

riceveva un messaggio che il servizio era temporaneamente non fruibile:

“A partire dal 13 settembre p.v. l’applicazione cartadeldocente sarà aperta per consentire la gestione del bonus. Si segnala che ai portafogli dei docenti saranno attribuiti anche i residui relativi all’anno scolastico 2018/2019”. Questo l’avviso del Ministero.

Riattivata la carta del docente

Da oggi le cose cambiano ed è possibile continuare a spendere i buoni.

Ecco cosa troverete sulla pagina ufficiale:

“Sei un docente di ruolo? Accedi per poter utilizzare i 500 euro per l’aggiornamento professionale.

Potrai acquistare fra l’altro libri, riviste, ingressi nei musei, biglietti per eventi culturali, teatro e cinema o per iscriverti a corsi di laurea e master universitari, a corsi per attività di aggiornamento, svolti da enti qualificati o accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”

Leggi anche: Carta del docente, requisiti, cosa acquistare ed assistenzaCarta docente 2019: sul sistema al massimo 1000 euro



Posso usare il bonus dell’anno precedente

Tutte le somme della carta docenti vengono accumulate per cui eventuali residui saranno sommate alle 500 euro del bonus del corrente anno scolastico, saranno disponibili quindi le annualità 2019/20, 2018/19 e 2017/18

Le somme non spese nell’anno 2016/17 non sono più spendibili, poiché il limite è stato fissato a 31/12/2018.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here