Stipendi personale ATA e Docenti: c’è davvero l’aumento?

Luigi Strada

Aumento di stipendi personale ATA e Docenti? Ad annunciarlo di recente è stata Lucia Azzolina, ma parliamo di un aumento vero e proprio? L’aumento per personale ATA e docenti ci sarà da questo mese di luglio. Il Ministro dell’Istituzione, lo ha annunciato in una  conferenza stampa nelle quali ha esposto le guide da rispettare per il rientro a settembre.

Il Ministro ha rivelando che è un premio da riconoscere in quanto lo stipendio percepito mensilmente dagli insegnanti d’Italia è quello più basso d’Europa.

Aumento di stipendi ai docenti e personale ATA ci sarà per davvero?

Stipendi in aumento verità o altra bufala? Ormai è da diverso tempo che si sente della possibilità di un piccolo aumento degli stipendi del personale della scuola, ATA e docenti. E di recente Il ministro dell’Istituzione ha annunciato l’aumento compreso fra gli 80 ed i 100 euro.

Aumento stipendi personale ATA e Docenti

C’è un però. I soldi in più presenti a fine mese nello stipendio riguarderanno solo ed esclusivamente chi ha un reddito più basso di 40.000 euro. Non sarà valido solamente per il personale di un istituto scolastico e non è neanche un aumento a tutti gli effetti. Ci troviamo davanti ad un taglio del cuneo fiscale deciso qualche mese fa dallo stesso Governo. In poche parole, questo fa capire che di aumento c’è poco e nulla almeno se si prende in considerazione quanto promesso dai suoi predecessori al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

Aumenti di stipendi a luglio per docenti e personale ATA: di quali cifre parliamo?

Chi complessivamente non supera un reddito del valore di 28.000 euro, può usufruire di una detrazione fiscale – partendo dal cedolino del mese di agosto ma con decorrenza all’attuale mese di luglio 2020 – che varia dai 97 euro ad un minimo di 80 euro.

Infine, per chi in totale ha un reddito fino ai 28.000 euro, può usufruire di un trattamento integrativo di 100 euro al mese netti.

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

Lascia un commento