Titoli di studio falsi: scoperto diplomificio, 25 le persone indagate

I carabinieri di Cosenza hanno notificato 25 avvisi ad altrettanti soggetti che sono risultati essere in possesso di falsi titoli di studio utili per essere assunti come insegnanti. I professori hanno commesso i seguenti crimini: falsità materiale commessa da pubblico ufficiale e da privato, ovvero di falsità ideologica ad opera di un privato.



Titolo di studio falsi: utili per ammissione in GaE e in GI

L’operazione dei Carabinieri ha coinvolto le province di Cosenza, Lecce, Pistoia, Milano, Bergamo e Forlì Cesena. I titoli di studio falsi erano utili per essere inseriti nelle GaE (Graduatorie ad Esaurimento) e nelle GI (Graduatorie d’Istituto) per essere assunti scuola primaria e dell’infanzia, su posto comune e sul sostegno. L’operazione avrebbe coinvolto un numero nutrito di soggetti in tutta Italia.

Titoli di studio falsi

Diplomi falsi: coinvolte 58 persone dal 2017 ad oggi

L’operazione di falsificazione di titoli di studio ha coinvolto istituti statali e paritari della provincia di Cosenza, nel capoluogo calabrese e in una provincia della regione Calabria e in istituti atti a conferire una formazione valida per conseguire le competenze per divenire docenti di sostegno per alunni con disabilità.



L’operazione svolta dai Carabinieri ha il nome di “Minerva” e già nel 2017 aveva provveduto ad assicurare alla giustizia 33 soggetti.

 

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here