Tonno in scatola e crackers perché i suoi genitori non possono pagare la mensa

Una bambina straniera è costretta a mangiare tonno in scatola e crackers perché i suoi genitori non possono pagare la mensa, in provincia di Verona, la bambina riceve un pasto diverso dai compagni perché i genitori erano in ritardo con il pagamento della mensa.

Mensa scuola

A mensa con tonno in scatola e cracker

Alcuni giorni fa in una scuola elementare della provincia di Verona, e precisamente a Minerbe, una bambina straniera ha ricevuto un pasto diverso dai suoi compagni: una scatoletta di tonno e un pacchetto di crackers, perché i suoi genitori non avevano pagato regolarmente la mensa. Vedendosi servire un pasto ridotto e diverso dai compagni, la bambina è scoppiata a piangere. La scelta di discriminare a mensa la bambina è stata concordata tra i gestori della mensa e l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco leghista Andrea Giraldi.



Altri casi simili

Non è la prima volta che nelle mense scolastiche i bambini indigenti ricevono un pasto diverso dai propri compagni. Alla fine del 2018, a Lodi 200 bambini stranieri si sono visti negare la mensa e il servizio di scuolabus, perché il Sindaco leghista aveva chiesto alle famiglie straniere di consegnare un documento del paese di origine per attestare l’effettiva assenza di beni e di proprietà.

 

Segui tutte le news su Zoom Scuola

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here